Tecnica - La Bottega d'Arte

Vai ai contenuti

Menu principale:

Tecnica

MOSAICO



                                    
TECNICA

     Oggi il mosaico viene eseguito con le stesse tecniche antiche.
Tutte le fasi di lavorazione avvengono rigorosamente a mano per questo, ancora oggi, l'arte del mosaico si può classificare
artigianato artistico per eccellenza.

      L'opera è costituita da tessere tagliate ancora oggi manualmente con tagliolo e martellina, ed applicate su malta tramite una costruzione di linee dette "andamenti" con i quali i mosaicisti compongono l'immagine.

   Metodo indiretto,  mosaico a rovescio su carta
    Questo metodo venne messo a punto per la prima volta dal friulano Gian Domenico Facchina nella seconda metà dell’800. Nella lavorazione a rovescio su carta, le tessere vengono incollate a rovescio su un supporto cartaceo usando una colla idrosolubile. Una volta terminato il lavoro viene distribuito uno strato omogeneo di malta. L’ultima operazione consiste nel bagnare il supporto cartaceo in modo che questo possa essere strappato e nella pulitura degli interstizi dalla colla avanzata tramite una spazzola, in modo da mettere a nudo il cemento sottostante.
Il Mosaico si può non stuccare se è un pezzo decorativo, ma è indispensabile stuccare: tappeti, tavolini e pavimenti per evitare il deposito di sporco negli interstizi.

   Tecnica diretta
   Questa tecnica viene chiamata così perchè le tessere vengono fatte aderire alla malta direttamente nel supporto definitivo: una parete, un tavolo, un pavimento,  un pannello....

I pregi di questa esecuzione musiva è di consentire all'esecutore l'immagine e l'effetto finale del mosaico, oltre a poter diversificare l'effetto plastico della superficie ( per effetto plastico si intende collocare le tessere nella malta con varie inclinazione in modo da ottenere un effetto di luce diversificata). Adatto per tutte le categorie musive all'infuori del mosaico industriale.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu